Vaticano, i giornalisti Nuzzi e Fittipaldi prosciolti. Condanne per monsignor Balda e la Chaouqui, assolto Maio.

Roma – Prosciolti Gianluigi Nuzzi ed Emiliano Fittipaldi per difetto di giurisdizione. Assolti monsignor Lucio Angel Vallejo Balda, Francesca Immacolata Chaouqui e Nicola Maio per associazione a delinquere per non aver commesso il fatto. Per la divulgazione dei documenti, invece, condannato il prelato a 18 mesi di reclusione e la Chaouqui a 10 mesi con pena sospesa per 5 anni. Lo ha deciso il Tribunale vaticano di primo grado al termine del processo Vatileaks 2. Il presidente del collegio, Giuseppe Dalla Torre, al termine di cinque ore di camera di consiglio, ha letto la sentenza spiegando che i due giornalisti non possono essere giudicati dal Tribunale vaticano.

Vatileaks, indagato Paolo Berlusconi

RomaSono «inveritiere» le notizie sui presunti ricatti da parte di Francesca Chaouqui, coinvolta nel caso Vatileaks, alla famiglia Berlusconi. Lo afferma in una nota Nicolò Ghedini, legale del leader di Forza Italia, minacciando querele in seguito a un articolo di oggi del Corriere della Sera, che cita le carte dell’inchiesta della Procura di Roma e afferma che tra gli indagati figura anche il nome di Paolo Berlusconi, fratello del’ex premier. Secondo il Corriere la giovane donna sotto accusa per fuga di documenti riservati avrebbe utilizzato notizie apprese in Vaticano per minacciare e ricattare. E per rendere più efficaci gli avvertimenti, Chaouqui avrebbe fatto valere proprio il ruolo di componente della Cosea, la Commissione della Santa Sede per gli affari economici, affidatole direttamente da papa Francesco.

Vaticano, rinviati a giudizio i giornalisti Nuzzi e Fittipaldi

I giornalisti Gianluigi Nuzzi ee Emiliano Fittipaldi rinviati a giudizio dal magistrato vaticano

Firenze I giornalisti Gianluigi Nuzzi ed Emiliano Fittipaldi, autori rispettivamente di “Via Crucis” e “Avarizia”, sono stati rinviati a giudizio insieme ad altre tre persone dal magistrato vaticano al termine dell’inchiesta sulla sottrazione e la diffusione dei documenti riservati della Santa Sede. Un’indagine che ha portato all’arresto di Lucio Vallejo Balda, ex segretario della Commissione referente sulle strutture economiche e amministrative della Santa sede (Cosea) e Francesca Immacolata Chaouqui. Andrà a processo anche Nicola Maio, ex collaboratore della Cosea. Il reato ipotizzato è quello previsto dall’articolo 116 bis del codice penale vaticano, cioè la divulgazione di notizie e documenti riservati. Nuzzi e Fittipaldi sono coinvolti per concorso nel presunto reato. A Vallejo Balda, Chaouqui e Maio è contestato anche il reato di associazione per delinquere. ll processo si aprirà martedì 24 novembre nel tribunale della Città del Vaticano e gli imputati rischiano da quattro a otto anni di reclusione. Vallejo Balda è ancora detenuto, mentre la Chaouqui è stata immediatamente rilasciata dopo l’arresto all’inizio di novembre per la sua collaborazione alle indagini. Fittipaldi ha espresso la propria incredulità evidenziando anche l’attacco contro la libertà di informazione, sancita dall’articolo 21 della nostra Costituzione. Un articolo o qualcosa di simile non previsto nello Stato della Città del Vaticano.