Una decisione storica

TorinoPer la  prima volta in Italia un giudice ha rinviato a giudizio per <<omicidio volontario con dolo eventuale>> un dirigente di azienda. Per la prima volta nel nostro Paese in corte di Assise – composta da due magistrati e sei giudici popolari -, si parlerà di morti sul lavoro. E’ il riflesso della sentenza del Gup di Torino, Francesco Gianfrotta, che ieri ha disposto il rinvio a giudizio di tutti e sei gli imputati, indagati nell’inchiesta per il rogo della ThyssenKrupp, dove il 6 dicembre dell’anno scorso persero la vita sette operai. A rispondere di <<omicidio volontario con dolo eventuale>> – il reato più grave -, sarà  l’amministratore delegato dell’acciaieria Harald Espenhahn, mentre gli altri indagati sono stati rinviati a giudizio per <<omicidio colposo con colpa cosciente>>. Per il giudice, l’amministratore delegato in Italia della ThyssenKrupp ha <<accettato il rischio della concreta possibilità del verificarsi di infortuni anche mortali sulla linea 5>>. Una decisione storica a meno di un anno dall’inizio delle indagini, condotte da Laura Longo, Francesca Traverso e Raffaele Guariniello, da molto tempo impegnato sul fronte della sicurezza dei lavoratori. L’udienza è fissata per il prossimo 15 gennaio. Vogliamo inoltre ricordare i nominativi di quei lavoratori che per la loro sopravvivenza e quella dei propri cari sono morti bruciati vivi nell’acciaieria torinese. Ecco i nomi:   Rocco Marzo, Angelo Laurino, Antonio Schiavone, Rosario Rodinò, Bruno Santino, Roberto Scola e Giuseppe Demasi.