Quel giorno di dieci anni fa nella redazione del Fatto di Enzo Biagi

FirenzeQuel giorno, il 18 aprile 2002, i ventenni di oggi avevano dieci anni, cosa sanno esattamente dell’editto bulgaro? Ne avranno sentito parlare ogni volta che si è verificato un atto di censura (purtroppo tante negli anni successivi), il riferimento a quel giorno è inevitabile. Da allora, nulla è cambiato anzi molto è peggiorato: il conflitto di interessi è rimasto inalterato, l’informazione del principali telegiornali si è trasformata in propaganda, le leggi ad personam sono aumentate, ecc. Cosa accadde esattamente quel giorno dentro la redazione del Fatto di Enzo Biagi?  Il presidente del Consiglio Silvio Berlusconi (l’imprenditore che tanto aveva fatto e detto per avere Biagi alla sua corte), dalla Bulgaria, durante una conferenza stampa con il primo ministro bulgaro, accusò Enzo Biagi, Michele Santoro e Daniele Luttazzi di aver fatto un uso crimino della tv pagata con i soldi dei cittadini. Subito dopo l’accusa di Berlusconi i telefoni cominciarono a squillare, tutte le testate cercarono di avere da Biagi un commento, una replica, il fax e la posta elettronica furono intasati di messaggi di solidarietà. Quello che aveva maggiormente colpito il nostro direttore era nella seconda parte del discorso del Cavaliere: Ove cambiassero non c’è problema, ma siccome non cambieranno…. La sospensione sottintendeva la loro cacciata dalla tv pubblica. Questo convinse Biagi a rispondere immediatamente attraverso la puntata del Fatto in onda la sera stessa. Enzo concluse il suo intervento così: Signor presidente Berlusconi, non tocca a lei licenziarmi. Penso che qualcuno mi accuserà di un uso personale del mio programma, ma ho voluto raccontare una storia che va al di là della mia trascurabile persona e che coinvolge un problema fondamentale: quello della libertà di espressione.

Allora Biagi aveva ottantun’anni e quelle parole furono profetiche su ciò che sarebbe accaduto alla Rai, all’informazione, nei dieci anni successivi.

Prima di andare in onda informai il direttore generale, Agostino Saccà, del cambio della puntata e del suo contenuto. Non era nostra intenzione comportarci da clandestini. Saccà, prima di sedersi sulla poltrona più importante di viale Mazzini, in una intervista al Corriere della sera aveva fatto la dichiarazione di voto per il Cavaliere: Mio padre era socialista, io sono socialista, resto un uomo di sinistra, è la sinistra che si è spostata. Per questo voto Forza Italia. Io e tutta la mia famiglia votiamo Forza Italia, ma questo è un fatto privato. La subalternità del dg al presidente del Consiglio era evidente a tutti. Con Saccà cominciarono ad entrare in Rai le truppe cammellate di Mediaset e i fedelissimi di Berlusconi. Il giorno prima dell’editto bulgaro erano state formalizzate le nomine dei nuovi direttori (forse questa coincidenza non fu del tutto casuale): a Rai 1 arrivò Fabrizio Del Noce, che poi fu determinante per la cacciata di Biagi dalla Rai. Del Noce quel giorno non si era ancora insediato, la rete era ancora diretta da Saccà, che non era d’accordo che Biagi  rispondesse a Berlusconi. Tra noi ci fu una durissima telefonata nella quale mi assunsi la responsabilità delle eventuali conseguenze. Che regolarmente arrivarono. Saccà aveva organizzato, usando la sua autorità, in modo tale da vedere la puntata nonostante i pochi minuti a disposizione prima della messa in onda. Questo episodio finì in Commissione parlamentare di vigilanza perché ritenuto dal centro-sinistra un tentativo di censura. Il dg dichiarò che lo fece con un unico scopo:  capire se vi erano estremi diffamatori. Non ve ne erano perciò autorizzò la messa in onda.

Ho sempre pensato che il Fatto di Enzo Biagi andò in onda non perché Saccà lo condivise, ma perché non vi fu il tempo per giustificare e organizzare la sostituzione del programma.

Non dimenticherò mai quando tornammo in redazione: tutti erano rimasti ad aspettare Biagi. Nel vederli così riuniti Enzo si mise a piangere, forse per la fine della tensione ma soprattutto per quella telefonata che non poté fare a casa perché la sua Lucia, la compagna di sessant’anni di vita, non c’era più a digli se aveva fatto bene o no a replicare a Berlusconi.

Nessuno di noi era veramente convinto che l’editto bulgaro diventasse poi un’esecuzione. Tra i vari capi d’accusa di Berlusconi nei confronti di Biagi, vi era quello d avergli fatto perdere, con l’intervista a Benigni, un milione e ottocentomila voti. Biagi poi scrisse: Se lo avessi saputo, Benigni, l’avrei fatto venire tutte le sere.

Il caso nacque da un’intervista al grande Roberto il 10 maggio 2010, ventiquattro ore prima che scattasse l’obbligatorio silenzio preelettorale. Eravamo convinti che per Rai 1 fosse un onore avere ospite quel genio che è l’attore e regista toscano, tra l’altro molto corteggiato in quei giorni da Celentano che lo voleva nel suo programma, e da quello che circolava in Rai, la produzione era disposta a pagare una cifra altissima. Da noi, come d’abitudine, non prese un euro, venne per amicizia. Io sono convinto che furono altre le puntate che avevano fatto andare su tutte le furie Berlusconi più di quella con Benigni, che fu usata a pretesto perché a ridosso del voto: la prima fu l’intervista a Montanelli, fatta a marzo 2001, nella quale l’ex direttore del Giornale, face un preciso ritratto del bugiardo Berlusconi. La seconda, in onda il 17 aprile, fu dedicata al libro che Berlusconi stava per mandare agli italiani, intitolata “La Bibbia del Cavaliere”. Biagi iniziò così: Il fatto editoriale del secolo. Già Dio ha qualche preoccupazione per la Bibbia, che, nel nostro Paese, in un anno raggiunge quattro milioni di lettori. Il volume autobiografico Una storia tutta italiana, che racconta vita e, si può dire, anche miracoli di Silvio Berlusconi, entrerà in dodici milioni di famiglie. Forse andrebbe rivisto il titolo “Una storia mondiale”, perché non si conosce una vicenda che sta al pari con questa. Comincia cantando a bordo di una nave e poi ha un repertorio che conquista milioni di elettori. E’’una trama affascinante come “Via col vento”. La trasmissione evidenziò alcune lacune: nel libro non si parlava della prima consorte di Berlusconi, del divorzio e non risultava che avesse un fratello di nome Paolo, arrestato all’epoca di Mani pulite per tangenti alla Guardia di finanza.

Questo accadde quel giorno di 10 anni fa e quando, dopo l’allontanamento dalla Rai, decidemmo di raccontare in un libro tutta la vicenda, Biagi, ricordando l’editto bulgaro mi disse: Non ho rimpianti, né tanto meno rimorsi: se avessi la possibilità di tornare indietro ripeterei tutto quello che ho fatto. Per mestiere ho sempre e solo raccontato dei fatti e posto semplicemente delle domande.

Il nostro direttore tornò in onda con un suo programma cinque anni dopo: il 23 aprile 2007 poco prima di compiere ottantasette anni; Michele Santoro riprese il suo posto su Rai2 il giovedì in prima serata solo per volere dei giudici, dopo ben cinque sentenze; Daniele Luttazzi da allora non ha più fatto un programma in Rai, nell’autunno 2007 tornò in tv su La7 per essere nuovamente censurato: il programma fu chiuso dopo tre puntate.

Firma: Loris Mazzetti

Fonte: Articolo 21

Saccà: le bugie a volte ritornano

Firenze Agostino Saccà, ovvero a volte ritornano. Colui che si porterà dietro, non solo il marchio dell’esecutore dell’editto bulgaro, ma soprattutto di essere l’autore della famosa raccomandata con ricevuta di ritorno che mandò a Enzo Biagi per non rinnovargli il contratto che gli avrebbe consentito di continuare a realizzare “Il fatto”. L’ex direttore è tornato sulla scena pubblica, dimostrando, nelle parole riportate da Telese, quanto quel marchio gli bruci ancora: “Gli avevo offerto 30 puntate! Aveva accettato, ma poi ha preferito andar via, come sa bene anche Mazzetti”.

Saccà non è un mentitore è uno che racconta mezze verità. L’assalto di Saccà (per conto di B.), parte ben prima dell’editto bulgaro, esattamente dopo l’estate 2001. Prima tentò di non confermare “Il fatto” (già in palinsesto), Leone, capo della Divisione 1, lo obbligò. Poi, a novembre, tentò di spostare la messa in onda a dopo il Tg1 delle 13,30. Il 29 gennaio 2002, in Commissione parlamentare, dichiarò che Biagi era una risorsa preziosa, ma la trasmissione aveva perso ascolto. Smentito dai fatti: quella seraIl fatto” fece oltre 8 milioni di telespettatori con il 27% di share. Successivamente dichiarò di essere stato frainteso. “Il fatto” andò in onda per 8 edizioni, 864 puntate, share medio del 24%, con oltre 6 milioni di telespettatori. Nel frattempo Saccà diventò direttore generale e Del Noce di Rai1. Alla quinta telefonata con Del Noce, che gli disse che stava studiando, Biagi sbottò: “Solo un cretino può studiare uno che fa la tv da 41 anni”. Il 2 luglio ci fu l’incontro che doveva essere di pacificazione. Il Gatto e la Volpe ci informarono dell’esigenza di Rai1 di programmare, al posto deIl fatto, una trasmissione di intrattenimento della durata di circa 25 minuti, da contrapporre a “Striscia la notizia”. In quell’occasione fu proposto a Biagi un nuovo contratto comprendente alcune puntate in seconda serata e due di prima. Il nuovo contratto avrebbe permesso di continuare a far lavorare la nostra redazione.

Le bozze invece di arrivare, come promesso, dopo qualche giorno, arrivarono con due mesi e mezzo di ritardo. Nel frattempo era andato in onda il famoso programma: Max e Tux, che non durava 25 minuti ma 4 e per non sovrapporlo a “Striscia la notizia” avevano addirittura accorciato il Tg1. Quel giorno Striscia fece il suo record: 14 milioni di telespettatori con il 47% di share. Max e Tux fu un flop e dal 27% scese velocemente al 15. Memorabile la dichiarazione di Del Noce: “Max e Tux sono vittime della solidarietà a Biagi”.

Il giorno della prima puntata ero con Biagi davanti alla tv, capimmo che Saccà aveva cambiato le carte in tavola. Biagi immediatamente rifiutò il contratto, dichiarando che avrebbe fatto tutto il possibile per continuare ad andare in onda con “Il fatto”. Con Di Bella e Ruffini, direttori del Tg3 e di Rai3, trovammo una nuova collocazione per la trasmissione: Rai3 alle 19,50. Prima il presidente Baldassarre disse che Rai3 non si poteva permettere il contratto di Biagi: troppo oneroso. Biagi gli rispose che avrebbe accettato un compenso da redattore ordinario da devolvere alla Casa di riposo di Lizzano. Poi Saccà informò che lo spazio era già stato promesso alla testata regionale. Infine Saccà, messo alle strette, propose le 18,50, prima del Tg3. “Non si fa l’approfondimento prima di dare la notizia”, rispose Biagi. Il fatto non doveva più andare in onda, questo era l’ordine di B. e Saccà è stato maestro ad eseguirlo. Della vicenda si occupò l’avvocato di Biagi che accettò la proposta di transazione di Saccà per non far causa alla Rai. Questa è l’altra mezza verità che Saccà non ha raccontato a Telese.

Firma: Loris Mazzetti

Fonte: Il Fatto Quotidiano

Mauro Masi lascia la direzione della Rai. Aperta la partita della successione

Il suo nuovo incarico sarà ad di Consap. Per la successione ballottaggio tra Lei, Verro e Del Noce.

Prato – Mauro Masi lascia la direzione generale della Rai per occupare la poltrona di amministratore delegato di Consap, la concessionaria pubblica di servizi assicurativi controllata interamente dal Tesoro.

Per la sua successione in Rai la partita è aperta e si pensa a una soluzione interna: in pole position il vicedirettore generale Lorenza Lei, già alla guida dello staff dei direttori generali Saccà, Cattaneo e Meocci. Ma in pista ci sarebbe anche il direttore di Rai Fiction Fabrizio Del Noce, mentre alcune chance residue verrebbero attribuite anche al consigliere di maggioranza Antonio Verro.

Link

Cassazione: prosciolto Travaglio. Condannato Del Noce al pagamento delle spese processuali e a versare 1500 euro.

La Cassazione ha confermato il proscioglimento per il giornalista Marco Travaglio respingendo il ricorso presentato dall’ex direttore di RaiUno Fabrizio Del Noce. Quest’ultimo è stato condannato al pagamento delle spese proceessuali e a versare 1500 euro.

RomaConfermato dalla Cassazione il proscioglimento per il giornalista Marco Travaglio in merito ad alcune frasi, presenti in un articolo pubblicato nel 2007 dall’Unità e ritenute diffamatorie da Fabrizio Del Noce. La quinta sezione penale della Suprema Corte ha dichiarato inammissibile il ricorso dell’ex direttore di RaiUno contro la sentenza con cui lo scorso dicembre il gip di Roma aveva disposto il non doversi procedere nei confronti di Travaglio e di Antonio Padellaro, all’epoca direttore del quotidiano «perché il fatto non sussiste». La Corte, oltre aver respinto il ricorso, ha condannato Fabrizio Del Noce al pagamento delle spese processuali e a versare 1500 euro alla cassa delle ammende (link).

Rai, le nuove nomine criticate da Zavoli

Il Cda Rai ha nominato Mauro Mazza nuovo direttore di Rai1 e Augusto Minzolini direttore del Tg1. Assenti al voto i consiglieri di centro-sinistra. Le nomine sono state criticate dal presidente della Commissione Vigilanza Sergio Zavoli.

RomaIl consiglio di amministrazione della Rai ha nominato Mauro Mazza nuovo direttore di Rai1 e Augusto Minzolini, direttore del Tg1. Mazza arriva alla rete ammiraglia di viale Mazzini dopo la sua esperienza a Rai2 prendendo il posto di Fabrizio Del Noce. Minzolini invece arriva dalla carta stampata, per la precisione è stato editorialista della Stampa e andrà a colmare il vuoto, determinatosi dalla partenza di Gianni Riotta al Sole 24 Ore.  Le nomine sono state decise dal consiglio di amministrazione della Rai senza il voto dei consiglieri nominati dal centrosinistra (Nino Rizzo Nervo, Giorgio Van Straten e Rodolfo De Laurentiis) che hanno lasciato la riunione proprio prima del voto. In questo modo i restanti consiglieri (Giovanna Bianchi Clerici, Alessio Gorla, Angelo Maria Petroni, Guglielmo Rositani, Antonio Verro), assieme al presidente Paolo Garimberti hanno accolto le proposte avanzate dal direttore generale Mauro Masi.  Il Cda ha provveduto anche alla nomina di quattro vicedirettori generali: Gianfranco Comanducci, Lorenza Lei, Giancarlo Leone e Antonio Marano. Le nomine sono state accompagnate da non poche critiche, in primis il presidente della Commissione Vigilanza, Sergio Zavoli, che ha sostenuto che le scelte operate non tengono conto «della ricchezza culturale dell’azienda e del Paese» (link). 

Cronaca 1