L’ultimo abbraccio a Vittorio Foa

ROMA – L’ultimo abbraccio a Vittorio Foa, scomparso lunedì scorso (20 ottobre) all’età di 98 anni. La cerimonia funebre s’è svolta oggi a Roma nella sede della Cgil dove Foa per anni è stato dirigente. Nato a Torino (18 settembre 1910), dove si laureò in Giurisprudenza, operò nella sua città natale sotto l’insegna di “Giustizia e Libertà”. Per la sua avversione al fascismo, il sindacalista a soli venticinque anni conobbe il carcere. Condannato a quindici anni di reclusione, dopo otto uscì di galera partecipando alla Resistenza come dirigente del partito d’Azione. Dopo la guerra, fu eletto deputato all’Assemblea Costituente nelle fila del PdA (Partito d’Azione) e, in seguito allo scioglimento di quest’ultimo, passò al PSI (Partito socialista italiano) dove fu deputato per tre legislature (1953-1968). L’ingresso di Foa nel mondo sindacale arrivò nel 1948 entrando nella FIOM; nel 1949 entrò nella Segreteria nazionale della CGIL di Giuseppe Di Vittorio e nel 1955 assunse l’incarico di segretario nazionale della FIOM. Per la sua passione civile e politica, Vittorio Foa è stato uno dei teorici della linea politica dell’autonomia operaia e ha sempre osteggiato la filosofia della rivoluzione. Negli anni Sessanta da una scissione a sinistra del PSI, nacque il PSIUP (partito socialista italiano di Unità proletaria), di cui Foa fu un dirigente nazionale. In quegli anni collaborò con la rivista “Sinistra” e con “Il Manifesto”. Nel 1970 Foa si dimise dalla CGIL e dal PSIUP ritirandosi, se pur per un breve periodo, a vita privata. Rimaniamo agli anni Settanta. Dopo lo scioglimento del PSIUP, assieme ad altri socialisti, Vittorio Foa nel 1972 dà vita al Nuovo PSIUP che, assieme al MPL (Movimento politico dei lavoratori), favorì la nascita del PDUP (Partito di Unità Proletaria) dove ritroviamo Foa nel ruolo di dirigente nazionale. Nel ’74 il PDUP si unificò al gruppo de “Il Manifesto” e nacque il PDUP per il comunismo: Foa ne fece parte come membro della sinistra del nuovo partito. Col PdUP, Foa prese parte allo sviluppo della lista unica della nuova sinistra, DP (Democrazia proletaria). Più avanti il PdUP perse la corrente ex-PSIUP-MPL (assieme alle cosiddette Federazioni unitarie e all’area sindacale di Giovannini) che prese parte alla costituente partitica di DP, mentre il partito rimase in mano alla componente de “Il Manifesto”. Foa decise nuovamente di allontanarsi dalla politica e accettò la cattedra di storia contemporanea all’Università di Torino. Nella sua lunga carriera politica, Foa è stato anche eletto nel 1987 come indipendente nelle liste del PCI. Nell’ultima parte della sua vita, l’uomo di “Giustizia e Libertà” si è dedicato ampiamente alla scrittura, una delle sue passioni. Per volontà dello stesso Vittorio Foa, il suo corpo sarà cremato e le ceneri saranno conservate nel cimitero di Formia dove da tempo il sindacalista viveva.