Eventi, il 23 aprile protagonisti saranno i libri

Firenze – Giovedì 23 aprile in tutta Italia sarà di scena l’iniziativa “#ioleggoperché“. «Il nostro scopo è stimolare chi legge poco o chi non legge – spiegano i promotori dell’Associazione italiana editori – Parliamo di ben più della metà degli italiani. Abbiamo deciso di incuriosirli, con l’aiuto dei lettori. Vogliamo mettere al centro di questa iniziativa i libri, le persone, tutte le istituzioni che hanno a cuore la lettura e, in generale, la cultura». L’obiettivo dell’evento – di cui Il Fatto Quotidiano è media supporter – è invogliare a leggere, sfruttando un modello di coinvolgimento e promozione: sono stati scelti 24 titoli – stampati in 10mila copie per ognuno – e affidati a dei “Messaggeri“, il cui compito è consegnare i libri in ogni luogo – anche sui treni -, coinvolgendo gli interlocutori con passione ed entusiasmo. 

L’ultima lezione di Enzo Biagi

Pubblicato da Rubettino, è uscito da pochi giorni “L’ultima lezione di Enzo Biagi” di Annarosa Macrì, giornalista dal 1978 in Rai. Una testimonianza precisa ed accurata sul modo in cui Enzo Biagi interpretava il giornalismo. Un contributo per capire il suo metodo, la sua lezione e i principi fondamentali ai quali si atteneva.
Annarosa Macri’ ha collaborato con Enzo Biagi fin dal 1990. Ha partecipato alla realizzazione di numerosi programmi, dai ‘Dieci comandamenti all’italiana’ a ‘Il fatto’ e a ‘Rt’ di cui e’ stata curatrice. Enzo Biagi le ha insegnato le regole alle quali ciascun giornalista deve attenersi con scrupolo. L’amore per la professione, spiegava Biagi, si deve tradurre nella ricerca della verita’ condotta con una grande onesta’ intellettuale. Una ricerca che, soprattutto, deve coincidere con la difesa del proprio punto di vista. Non solo. Il giornalista, spiegava ancora Biagi, deve esercitare la liberta’ di giudizio senza lasciarsi mai intimorire dal padrone di turno.
Prefazione di Loris Mazzetti.

Fonte AdnKronos