Moretti Cavaliere del lavoro, la risposta delle famiglie al no del Colle

Viareggio – «Oggi, così come allora, con freddo cinismo si calpestano le 32 vittime, i feriti, i familiari, una città intera e tutto il territorio della costa versiliese» è la risposta che i familiari delle vittime della strage di Viareggio mandano all’indirizzo del Quirinale, che nei giorni scorsi ha rimandato l’eventuale revoca del titolo di Cavaliere del lavoro a Mauro Moretti a una sentenza di condanna definitiva.

Moretti, niente revoca del titolo di Cavaliere del lavoro senza condanna definitiva

Roma – Prima la condanna definitiva. Poi, semmai, la revoca del titolo di Cavaliere del lavoro. Sempre che la revoca possa scattare per un reato “colposo”. Blindata. Dalle leggi (in parte) e dalla politica. Non si tocca l’onorificenza di Mauro Moretti, ex ad di Ferrovie dello Stato, oggi ai vertici di Finmeccanica. Di sicuro, la presidenza della Repubblica non gliela toglierà a breve. E non senza la richiesta espressa del ministero dell’Industria.

La posizione del Quirinale è chiara. Non è politica, ma istituzionale. E non cambia neppure di fronte alla mozione approvata dalla Regione Toscana che, all’unanimità, chiede allo Stato di fare un passo indietro rispetto a questo riconoscimento dato a Moretti.

Strage di Viareggio, il consiglio regionale: via il titolo di Cavaliere a Mauro Moretti

Firenze – La Regione Toscana chiederà al governo la revoca del titolo di cavaliere del lavoro attribuita a Mauro Moretti, amministratore delegato del gruppo Ferrovie dello Stato quando, il 29 giugno 2009 , si verificò il tragico incidente alla stazione ferroviaria di Viareggio, dove persero la vita 32 persone. La richiesta è contenuta in una mozione, approvata all’unanimità, che impegna la Giunta regionale a “segnalare al Governo nazionale l’opportunità di attivare quanto prima le procedure di revoca del titolo di cavaliere del lavoro a Moretti”.

La mozione, presentata dal gruppo M5s, è stata fatta propria dall’intera Assemblea regionale dopo che il consigliere Gabriele Bianchi, M5s, l’ha illustrata evidenziando che “così dimostriamo la nostra vicinanza ai familiari delle vittime e il nostro impegno affinché sia fatta piena luce su quel tragico evento”. Bianchi ha affermato che “è necessario revocare l’onorificenza per indegnità”. La richiesta sarà avanzata a norma di una specifica legge, la 194 del 1986, che prevede proprio una procedura del genere qualora siano venute meno le condizioni originarie.

Berlusconi non è più Cavaliere del lavoro

Silvio Berlusconi non è più Cavaliere del lavoro.

Roma Silvio Berlusconi non è più Cavaliere del lavoro. Il consiglio direttivo della Federazione nazionale dei cavalieri ha concluso l’esame della posizione dell’ex premier, dopo la sentenza di condanna della corte di Cassazione del 1 agosto 2013 per frode fiscale. Poco prima della decisione, Berlusconi ha fatto arrivare al consiglio una lettera nella quale si autosospendeva, rinunciando all’onorificenza. Berlusconi ha scelto così la via dell’autosospensione, una via preventiva per evitare di ricevere la notizia della cacciata ufficiale.