Ballottaggi: sconfitta la Lega, emerge Grillo, tiene il Pd

Novantacinque Comuni al centro-sinistra, trentaquattro al centro-destra. Per la prima volta il Movimento 5 Stelle vince in un Comune capoluogo (Parma).

Roma – Novantacinque Comuni al centro-sinistra, trentaquattro al centro-destra. Questo l’esito delle Amministrattive 2012. Nella tornata precedente il centro-destra aveva prevalso per 98 a 56. Il Centro sale da 8 a 9 Comuni amministrati, le liste civiche da 6 a 10. Entra nella geografia politica il Movimento 5 Stelle di Beppe Grillo, che si aggiudica 3 Comuni tra cui Parma.

Questi gli esiti dei ballottaggi più importanti: a Genova è stato eletto Doria del centro-sinistra (59,7%). A Palermo ha prevalso Orlando (IDV, 72,4%). A Parma vittoria di Pizzarotti del Movimento 5 Stelle (60,2%), conferma per Cialente del Pd a L’Aquila (59,2%).

Altro dato rilevante è l’ulteriore calo dell’affluenza alle urne, che si è fermata al 51,38% contro il 65,36% del primo turno.

Risultati in tempo reale

Riepilogo Comuni capoluogo

Riepilogo Comuni superiori non capoluogo

I dati del Viminale

Affluenza alle urne (dati Viminale)

Il voto in Toscana (analisi Osservatorio elettorale della Regione Toscana)

Tv al mercato: serve un vigile

FirenzeBeppe Grillo, oltre a predicare di cancellare il canone Rai dovrebbe prendere seriamente in considerazione il mercato televisivo a tutela dei cittadini. B. pur ferito (Mediaset e la Mondadori in caduta libera), sta per calare l’asso piglia tutto: maggioranza all’interno dell’Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni e accordo con Telecom per la banda larga.

Dopo la rivoluzione del digitale la tv del futuro è quella connessa. Le nuove televisioni hanno la possibilità, attraverso il cavo telefonico, di connettersi alla Rete. Mediaset entrerebbe in Matrix (la società di Telecom che controlla le attività Internet) e nel motore di ricerca Virgilio, in cambio Publitalia diventerebbe la concessionaria per la pubblicità delle società di Bernabè. Il bouquet di Telecom, lievemente aumentato, comprenderà, oltre al telefono e l’adsl, anche Mediaset Premium. TI Media (la società de La7), entro la fine dell’anno sarà messa in vendita divisa in due aziende. La prima comprende il marchio e i contenuti della tv: La7, La7 Donna e il 51% di Mtv Italia. Economicamente la meno appetibile (valore 160 milioni), con un buco economico aumentato nell’ultimo periodo (circa 100 milioni) grazie ai super contratti con le star della tv e al costo delle loro produzioni nettamente superiore alle entrate pubblicitarie.

La seconda è Timb (Telecom Italia Media Broadcasting), il vero business, quella che gestisce le infrastrutture di rete, cioè ripetitori e frequenze. A questa è interessato Carlo De Benedetti che aggiungerebbe i 3 multiplex de La7 ai 2 già in suo possesso. Se l’operazione andasse in porto sarebbe la nascita del secondo polo privato dopo EI Towers (nata dalla fusione di Elettronica Industriale di Mediaset con Dmt di Alessandro Falciai). Per la Rai sarebbe un’ottima occasione per mettere sul mercato parte di Raiway (la società che gestisce la rete di trasmissione) in modo tale da appianare l’indebitamento con le banche (oltre 300 milioni) e fare cassa, scongiurando l’emorragia di qualche migliaia di lavoratori. Questa nuova società, avendo come scopo non il controllo mediatico ma gli affari, potrebbe dare vita a quel pluralismo di mercato che da noi manca da anni.

Chi, inaspettatamente, sta manovrando nel silenzio assoluto è Mario Monti che, con l’aiuto di Passera, sta pensando seriamente alla vendita di parte della Rai dando così risposta al referendum del 1995 che decretò la privatizzazione, prevista anche dall’articolo 19 della legge Gasparri. L’esempio a cui farebbe riferimento Monti è quello della tv francese: privatizzare il canale più appetibile, Rai1. Il rischio è quello che gli acquirenti siano i soliti amici degli amici. Grillo dovrebbe fare quello che i partiti di centrosinistra non hanno fatto in questi vent’anni: vigilare.

Firma: Loris Mazzetti

Fonte: Il Fatto Quotidiano

Caro Grillo, la Tv non è tutta uguale

FirenzeDiceva Charlie Chaplin: «Il successo rende simpatici». Non è il caso di Beppe Grillo. Da quando i sondaggi lo danno al 7,5% è mediaticamente vivisezionato: accusato di essere il padre padrone del Movimento 5 Stelle e di averlo trasformato in un’azienda che fa affari. Che male c’è se questo gli permette di far sopravvivere il movimento senza i soldi della collettività?

Tutti i partiti hanno un padre padrone, a cominciare dai Radicali di Pannella fino a B. (che ha trasformato l’azienda in un partito mettendo i dipendenti a fare i politici), in altri, alcuni del centrosinistra, il capo è sotterraneo e manovra il segretario civetta, spesso a sua insaputa. Non vi è un partito in cui la base conti qualche cosa. La dimostrazione è ciò che sta accadendo oggi nella Lega, il cui popolo, ogni giorno che passa, viene sempre più umiliato da ciò che la magistratura scopre e da insopportabili discorsi di ex e futuri segretari privi di contenuti, valori, di morale, con un unico obiettivo: salvare le chiappe e avere il comando. Bossi avrà concordato con qualcuno la candidatura del Trota o ha fatto tutto da solo?

Il tesoriere Belsito si è autonominato vicepresidente della Fincantieri? Dov’erano quelli che oggi vanno in giro con la ramazza? Chi non ha controllato ha le stesse responsabilità di chi ha rubato. Di Grillo, un po’ Don Chisciotte, un po’ Masaniello, condivido la lotta all’illegalità e ammiro la caparbia volontà di fare pulizia in Parlamento. Sono quasi cinque anni che ha depositato, inutilmente, 350 mila firme dei cittadini al Senato con tre proposte di legge: nessuno può essere candidato se condannato anche solo nei primi due gradi di giudizio; nessuno può essere eletto per più di due mandati; basta con i candidati nominati dai capi partito. Perché il centrosinistra non gli ha dato una mano?

L’ultima di Grillo è quella di contestare i talk-show invitando i suoi a non parteciparvi perché sono “spazi poco igienici”. Il Movimento 5 Stelle può fare a meno di andare in tv, comunica straordinariamente attraverso Internet, ma quel cittadino che non naviga, perché anziano, ha il diritto di essere informato come il giovane che ha deciso di non guardare più la tv. È vero, il talk è uno spazio per i soliti noti. La società civile, che in questi ultimi 10 anni è stata la vera opposizione al berlusconismo, non ha spazio. Travaglio è invitato solo perché fa ascolto non per quello che scrive.

È lontano il tempo in cui Biagi diceva: «La tv è per chi ha qualche cosa da dire». Grillo non dovrebbe fare di ogni erba un fascio: Sevizio Pubblico di Santoro non è uguale a Porta a Porta di Vespa.

Firma: Loris Mazzetti

Fonte: Il Fatto Quotidiano

Urge politica alternativa

FirenzeÈ sempre interessante leggere ciò che scrive Adriano Celentano. Lunedì scorso sul Corriere, in un colloquio con Grillo, riferendosi ai sogni svaniti e alle necessità degli italiani, ha scritto che <<la gente ha bisogno di uno scatto. Uno scatto che indichi la direzione>>. Aggiungendo che l’uomo soffre perché si sente slegato dagli altri pur stando in mezzo a tanta gente. Cari politologi, cari intellettuali, cari professori del sapere, il re degli ignoranti, ancora una volta ha centrato il bersaglio. La nostra è una società che porta all’indifferenza (l’ottavo vizio capitale, denunciato da Don Gallo), di ciò B. non è l’unico responsabile. Che lui non sia più quello della “discesa in campo” lo si è capito da tempo. Gli ultimi due allarmi: l’intervista al Tg1, nonostante fosse “addomesticata” era sbagliata nella comunicazione, e si capiva benissimo che stava leggendo il gobbo; la dichiarazione di Andrea Riccardi, il fondatore della Comunità di Sant’Egidio: <<Chi ha gestito la Seconda Repubblica non può rilanciare il Paese >>.

Nonostante i Bunga bunga, le promesse non mantenute, il presidente operaio, giardiniere, pompiere, utilizzatore finale, rimane ancora l’unico leader sulla scena politica, grazie alla mancanza di una proposta alternativa. Ancora una volta la resistenza nasce dalla società civile. A Milano un giovane scrittore del Sud (Roberto Saviano) e un maturo intellettuale del Nord (Umberto Eco), sono riusciti a parlare contemporaneamente a donne e uomini, a giovani e anziani, a studenti e operai, colpendoli al cuore su “ciò che siamo e ciò che vogliamo, sulla necessità didifendere l’onore dell’Italia.

L’urlo di protesta “dimettiti, dimettiti nato in tante città e che il 13 febbraio, grazie alle donne, tornerà nelle piazze, è importante ma non sufficiente. Urlare è liberatorio, ma senza una proposta alternativa alla politica di B. non si andrà da nessuna parte. Bersani, il segretario del maggior partito dell’opposizione, è lì ancora a porre domande invece di dare risposte. Manca un progetto di società alternativo. Lo si può costruire con questa classe dirigente? Autoreferenziale, formatasi solo grazie alla cooptazione, che tiene in ostaggio e sotto ricatto i cittadini?

Firma: Loris Mazzetti

Fonte: Il Fatto Quotidiano

Saviano, la forza della parola

Firenze Le luci dello studio tv di “Vieni via con me” si sono spente, è giunto il momento di fare un bilancio su Roberto Saviano, per la prima volta coautore di un programma televisivo. Un trionfo di ascolto, non solo per i dieci milioni di telespettatori sintonizzati su Rai3, ma per i tre milioni che si sono aggiunti alla media del periodo: “La trasmissione ha spostato i consumi di televisione, ha scritto Mele sul Sole 24 Ore. Molte le critiche: dai quotidiani di B. anche il tentativo di delegittimazione nei confronti di Saviano con una raccolta di firme (a difesa delle mafie?), dal professor Aldo Grasso che, con la solita stroncatura, è il porta fortuna dei programmi di Rai3, infine dalla politica. Come diceva quel tale: “Non si può piacere a tutti.

Ancora una volta Saviano, con l’uso della parola (l’arma potentissima con la quale riesce a combattere la criminalità organizzata), ha vinto. L’autore di Gomorra ha dimostrato di non essere solo un grande scrittore ma anche uno straordinario comunicatore. Prima la denuncia contro la camorra (chi aveva sentito parlare dei casalesi al di là dei confini campani?), ora landrangheta: l’organizzazione criminosa che da anni si è inserita nel tessuto sociale della Lombardia e non solo, attraverso l’imprenditoria, creando un’area grigia tra burocrazia e politica che le serve tuttora per realizzare gli affari. Saviano non è il primo, mi auguro neanche l’ultimo, ad aver messo in relazione mafie e Nord Italia. La forza della sua parola ha illuminato, come non mai, la corruzione, l’intreccio tra criminalità e politica, al punto che sono riapparse nelle prime pagine dei giornali e nelle trasmissioni di approfondimento le indagini della magistratura che avevano portato all’arresto centinaia di persone. Saviano ha messo a nudo, davanti a dieci milioni di telespettatori, il meccanismo che ha portato la ‘ndrangheta alla conquista del territorio nordista.

Ci sono due momenti, uno all’esterno della trasmissione e l’altro all’interno che mi hanno, per ragioni diverse, stupito: l’urlo di Beppe Grillo in teatro: “Il nano gode come un riccio, riferendosi alla compartecipazione azionaria di B. nella società Endemol che ha contribuito alla realizzazione di “Vieni via con me”, e la decisa solidarietà a Saviano del capo dell’Antimafia Piero Grasso che, con fermezza, guardando diritto verso la telecamera, ha detto: “Ho bisogno di conoscere tutti i segreti della mafia, i suoi progetti criminali, le sue strutture, i suoi traffici, le sue relazioni esterne, attraverso pentiti e testimoni di giustizia che vanno incentivati con le intercettazioni, che nel rispetto della privacy, del segreto investigativo e senza imporre bavagli all’informazione, non vanno assolutamente limitate. Chi dei due ha perso un’occasione?

Fonte: Il Fatto Quotidiano