Le dimissioni del Papa. Benedetto XVI lascerà il pontificato il 28 febbraio

“Lascio per l’età avanzata e per il bene della Chiesa. Ho riflettuto a lungo. Ora vivrò una vita di preghiera”

Roma – Benedetto XVI lascerà il pontificato il 28 febbraio. Un annuncio dato direttamente dal Papa, in latino, durante il Concistoro per la canonizzazione dei martiri di Otranto: “Lascio per l’età avanzata e per il bene della Chiesa. Ho riflettuto a lungo. Ora vivrò una vita di preghiera”.

La sede sarà vacante dalle 20 dell’ultimo giorno del mese. I cardinali si riuniranno per l’elezione del successore a marzo.

L’annuncio (Repubblica.it)

Rockpolitik (2005), la lettera di Biagi a Celentano: “Molti che fanno il mio mestiere soffrono di scoliosi”.

 

FirenzePubblichiamo la lettera di Enzo Biagi inviata ad Adriano Celentano che nel 2005 invitò il cronista di Pianaccio al suo programma “Rockpolitik”. La riproponiamo in nome di un principio, la libertà di informazione, al quale lo stesso “Moleggiato” dedicò la prima puntata di Rockpolitik. Da quella lettera sono trascorsi sei anni e qualche mese: in Rai i personaggi sono cambiati (non tutti), nei volti, ma non nei comportamenti. Un esempio? Lo scorso 9 febbraio Il Fatto Quotidiano in esclusiva in diretta a Servizio Pubblico ha lanciato la notizia dell’esistenza di un documento che annunciava un “complotto omicidiario” nei confronti di Benedetto XVI. La notizia viene ripresa da tutte le principali testate di carta stampata, nazionali ed internazionali. Nelle tv italiane la notizia ha trovato l’approfondimento a Skytg24, Tgcom 24 e Rainews. Nei tg, eccetto La 7 e Tg3, ignorano la notizia. Il Tg della rete ammiraglia non ha dato la notizia, però l’ha smentita. Alla mancata notizia non è arrivato un richiamo, un commissariamento oppure un invito al «buon senso» e alla «correttezza», parole quest’ultime utilizzate dal direttore generale Rai, Lorenza Lei, alla vigilia della seconda performance di Celentano. Effetto del potere temporale e non spirituale del Vaticano su viale Mazzini?  
                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                   

«Caro Celentano, non mi piace parlare di me ma ho bisogno di spiegare perché giovedì prossimo non sarò con lei e con i miei compagni di avventura, Michele Santoro e Daniele Luttazzi, a “Rockpolitik”. Provo per lei stima e affetto, dunque non potevo che accettare il suo invito. So che la sua trasmissione rimarrà nella storia della tv italiana e pensi se a me non sarebbe piaciuto essere uno dei protagonisti. In questo momento le auguro di andare in onda e spero che chi ha impedito a me di continuare a fare quel che facevo non sia ancora oggi così forte da impedirlo a lei.

Veniamo al dunque: anche se il direttore di Raiuno, Fabrizio Del Noce, si è autosospeso e ha minacciato di togliere il nome della rete durante il suo programma, io in quella casa non posso entrare. Per 41 anni ho lavorato per Raiuno, ne ho diretto il tg, ho avuto a che fare con grandi direttori, che, quando non erano d’accordo, non si sospendevano, ma rinunciavano alla poltrona.

Oggi molti che fanno il mio mestiere soffrono di scoliosi. Lei, invece, dedicando la sua prima puntata alla libertà di informazione, rende un grande servizio non a noi epurati, ma alla democrazia del nostro Paese. Lei deve comprendere che io non posso ritornare alla rete ammiraglia della Rai fino a quando ci saranno le persone che hanno chiuso il programma e impedito alla mia redazione di lavorare. Forza Celentano, giovedì sarò il suo primo telespettatore».

 

Don Nicolini: un prete di frontiera. Domani sarà a Prato.

 Prato – Una voce fuori dal coro. E’ quella di don Giovanni Nicolini, 68 anni, presente domani a Prato per affrontare alcuni temi di attualità e per ricordare la figura di Enzo Biagi. L’iniziativa, organizzata dalla “Casa della Cultura Enzo Biagi”, si avvale del patrocinio della Regione Toscana, della Provincia e del Comune di Prato. Al dibattito parteciperà l’Anpi – sezione di Prato – rappresentata dal presidente provinciale Ennio Saccenti. Nicolini, originario di Mantova, è laureato in filosofia e ha studiato teologia all’università Gregoriana dove ha avuto modo di conoscere monsignor Ancel e soprattutto il cardinal Lercaro e don Giuseppe Dossetti, che fin dall’inizio ha rappresentato per don Nicolini un riferimento spirituale. Ordinato presbitero nel 1972, Giovanni Nicolini ha assunto varie cariche prima di dedicarsi completamente alle sue parrocchie, Sant’Antonio da Padova alla Dozza e San Giovanni Battista a Calamosco, situate nella periferia della diocesi bolognese. Nel 1998 è diventato vicario episcopale per la carità e come tale è stato anche direttore della Caritas diocesana. Dal dicembre 2006, don Nicolini, un prete scomodo, ha lasciato l’incarico di vicario episcopale per dedicarsi alle sue parrocchie e alla sua comunità, Le Famiglie della Visitazione. Un prete di frontiera per il suo impegno quotidiano a favore dei deboli, dei poveri e degli emarginati e per le sue posizioni non sempre allineate alla chiesa romana. Don Nicolini che ha concelebrato, assieme al cardinal Ersilio Tonini, i funerali di Enzo Biagi, ha espresso il suo favore alla benedizione dei divorziati risposati. Lo scorso settembre Papa Benedetto XVI durante il sinodo vescovile che si è svolto al Lourdes in Francia, invocò una rigidità del Magistero verso i divorziati risposati – non fu la prima volta -, oltre alla liberalizzazione del rito tridentino.

Durante l’incontro – Auditorium Roberto Castellani istituto “A. Gramsci-J.M. Keynes”, via di Reggiana, 106 -, con inizio alle 15,30, don Giovanni Nicolini affronterà temi come il razzismo, la macro e la micro-violenza, i giovani e il loro rapporto con la televisione e il movimento della Resistenza.