Da Hollywood quattro film su nazismo e Olocausto

Roma – Quattro film incentrati tutti sugli stessi temi: nazismo e Olocausto. Dopo polemiche e ritardi, a Natale negli Stati Uniti uscirà «Operazione Valkiria», il film diretto da Bryan Singer, con Tom Cruise nei panni del colonnello tedesco Claus von Stauffenberg. E’ la storia del complotto dei generali dell’esercito tedesco che nel 1944 tentò di assassinare Hitler. In Italia uscirà a febbraio. Il tema del nazismo e dell’Olocausto è presente anche in «Il bambino con il pigiama a righe» e «Adam Resurrected». Il primo, dal libro omonimo di John Boyne, racconta l’amicizia tra il figlio di un ufficiale nazista, comandante di un campo di concentramento, e un ragazzo ebreo internato. Il film, diretto da Mark Herman, sarà distribuito in Italia a partire dal prossimo 19 dicembre. Dal romanzo di Yoram Kaniuk invece è stato tratto Adam resurrected, il film diretto da Paul Schrader. E’ la storia di un ex artista del circo risparmiato alla camera a gas ed incaricato di intrattenere centinaia di ebrei durante il loro percorso verso le camere della morte. Dopo la guerra l’uomo entrerà in un manicomio del quale sono ospiti numerosi sopravvissuti all’Olocausto. Il quarto film – il regista è Stephen Dadry- è «The Reader», con Kate Winslet, una torturatrice nazista, sotto processo per i crimini commessi, che vivrà una storia d’amore con un uomo più giovane di lei, interpretato da Ralph Fiennes.  


 

Il cinema celebra la Dichiarazione Universale dei Diritti Umani

Roma – Il mondo del cinema si mobilita. In occasione del 60° anniversario della Dichiarazione Universale dei Diritti Umani – firmata a Parigi su volontà dell’Assemblea Generale delle Nazioni Unite il 10 dicembre 1948 – è stato realizzato «All Human Rights For All», un film collettivo no-profit. Registi, attori, sceneggiatori, musicisti, maestranze e produttori del cinema italiano hanno realizzato a titolo gratuito trenta cortometraggi, di tre, quattro minuti ciascuno, ispirati ai trenta articoli della Dichiarazione Universale. Ogni autore ha adottato un articolo della Dichiarazione Universale trasformandolo in ispirazione cinematografica.

Toscana: aumentano le morti bianche nei primi nove mesi del 2008

Firenze – Nei premi nove mesi del 2008 in Toscana si sono registrati sei incidenti mortali sul lavoro in più rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente (59 casi contro 53 nel 2007). Ribaltato così il trend in calo tra il 2006 e il 2007, quando si era passati da 99 a 68 decessi. Questi i dati più significativi del rapporto regionale INAIL Toscana 2007, presentato presso Villa Tornabuoni Lemmi, a Firenze.

In totale le denunce di infortunio nel 2007 registrano un aumento di 232 casi (0,3%) rispetto al 2006. Mentre rimane stazionaria la situazione nell’industria (65.218 denunce), l’agricoltura presenta un trend in diminuzione (-4,1%). In questo settore in particolare sono stati denunciati 4.690 infortuni. In aumento, invece, gli incidenti occorsi ai lavoratori stranieri, che nel triennio 2005/2007 si attestano su una percentuale del 14,4% sul totale.

Dall’analisi dei dati si rileva che, a livello territoriale, gli indici di frequenza più alti riguardano la provincia di Massa e Carrara (47,56%), mentre le frequenze più basse riguardano le province di Firenze (27,31%) e Prato (27,98%), che si mantengono sotto la media nazionale.

Tra i lavoratori dei diversi comparti, il maggior numero di infortuni ha riguardato i dipendenti di aziende artigiane. Le attività più rischiose rimangono quelle relative all’estrazione dei minerali, attività caratteristica della provincia di Massa e Carrara (per la presenza di diverse cave di marmo).

Fonte: INAIL

Una sentenza storica che farà giurisprudenza

Roma – Per la prima volta in Italia una persona è stata condannata per omicidio volontario per aver stroncato alla guida di un’auto la vita di due giovani. E’ stato condannato un uomo di 35 anni a dieci anni di reclusione per aver travolto e ucciso con l’automobile il 22 maggio scorso a Roma due ragazzi, Alessio Giuliani e Flaminia Giordani, che viaggiavano a bordo di uno scooter.

La sentenza – che farà giurisprudenza – è stata emessa ieri dal gup Marina Finiti che ha riconosciuto l’imputato colpevole del reato di omicidio volontario con dolo eventuale. E’ anche la prima volta che viene inflitta una condanna così pesante. Soddisfazione è stata espressa dall’avvocato Francesco Caroleo Grimaldi, difensore delle famiglie della coppia fidanzata. <<La condanna a dieci anni per omicidio volontario con dolo eventuale è una sentenza giusta>>, ha detto l’avvocato che ha aggiunto: <<Dedichiamo a tutti quei ragazzi che hanno perso la vita e non hanno avuto giustizia. Che questa sentenza costituisca un monito severissimo per tutti quei giovani che hanno perso il senso della loro vita e il rispetto profondo della vita altrui>>.

Di diverso avviso il legale Basilio Fiore, difensore della persona condannata in primo grado a dieci anni. <<Una decisione in contraddizione con la giurisprudenza di legittimità. Credo che ci sia qualche altra sentenza di merito in linea con questa, ma sono convinto che potrà resistere al vaglio del giudice d’appello. Aspettiamo il deposito delle motivazioni della sentenza e poi impugneremo questa decisione>>.

L’addio a Sandro Curzi

PratoIncollati alla tv ad ascoltare le sue prime parole da direttore. In quei giorni in cui faceva capolino nelle case degli italiani il Tg3 di Sandro Curzi, gli spettatori si sono trovati di fronte un nuovo modello di fare il telegiornale. Una parte di pubblico l’ha apprezzato, non si è mai stancata, una seconda l’ha criticato, una terza e ultima forse si è annoiata dopo un po’ o addirittura quasi subito.

Tutto, meglio quasi, si può dire, tranne una cosa: il rispetto di Curzi verso colui che la vedeva in maniera diversa. L’uomo che amava la pipa e assomigliava a Kojak non ha mai considerato l’oppositore un nemico ma un avversario. Il suo modo di fare informazione, di aprire le porte del suo tg alle istanze dei più deboli e mai ascoltate del Paese, lo portarono ad aspre battaglie a tal punto che il Tg3 fu soprannominato dagli avversari politici <<Telekabul>> (dalla capitale dell’Afghanistan occupata dall’Urss negli anni Settanta). Il Tg3 aumentò però in spettatori e in autorevolezza. Un periodo non breve: Curzi sarà a capo della testata dal 1987 al 1993. Anni segnati dalla caduta delle ideologie e in Italia un pool di magistrati di Milano darà vita all’inchiesta, passata alla storia con il nome di <<Mani pulite>>.

Lo stesso Capo dello Stato ha voluto ricordare quel momento della carriera di Sandro Curzi.  <<Sono addolorato – ha affermato il Presidente della Repubblica Napolitano – perché perdo un amico. Le aspre polemiche che lo coinvolsero nel periodo della sua massima responsabilità giornalistica non lo indussero mai ad astiose chiusure né ad alcuna attenuazione della sua autonomia di giudizio e del suo senso delle istituzioni>>. Un ricordo breve di un tipo di informazione che chi allora era giovane o già avanti con l’età, forse oggi prova dentro di sé un senso di nostalgia.

La cerimonia laica si è svolta ieri in una sala della Protomoteca in Campidoglio a Roma, davanti a tantissimi cittadini comuni, politici, giornalisti e autorità.

 

I ringraziamenti

Prato – Il Comitato “Casa della Cultura Enzo Biagi” desidera ringraziare tutti quanti hanno collaborato alla realizzazione degli incontri con la dottoressa Bice Biagi e con Don Giovanni Nicolini, che hanno inaugurato ufficialmente la nostra attività.

Ringraziamo la Regione Toscana, la Provincia di Prato ed il Comune di Prato per il patrocinio concesso, l’Anpi provinciale di Prato ed il presidente Ennio Saccenti per la partecipazione attiva alle due giornate, il Museo della Deportazione di Figline e la direttrice Camilla Brunelli per la disponibilità mostrata nell’aprire appositamente la struttura in occasione della visita della dottoressa Bice Biagi, l’istituto “A. Gramsci – J.M. Keynes” per avere concesso l’Auditorium “Roberto Castellani”, il luogo che ha ospitato i nostri incontri.

Ovviamente un sentito ringraziamento va anche a tutti coloro che sono intervenuti agli incontri. L’appuntamento con la prossima iniziativa pubblica del Comitato “Casa della Cultura Enzo Biagi” è per la primavera 2009.

Don Nicolini, portatore di pace e difensore della memoria

Prato – Un uomo alla mano, capace di rendere elementare ogni concetto. E’ Giovanni Nicolini, parroco alla periferia della diocesi bolognese, che nel corso della sua visita di ieri a Prato, è riuscito a spaziare in vari campi dello scibile umano.

Don Nicolini, un prete di frontiera per il suo instancabile impegno a favore dei deboli e degli emarginati, ha risposto ad una serie di domande con un linguaggio semplice e diretto al cuore delle persone. Non si è risparmiato su ogni fronte rivelandosi un portatore di pace e un sostenitore della memoria. «Il razzismo è una radicalizzazione dell’altro – ha ricordato don Nicolini – E’ opportuno lottare con una cultura di comunione». Sulla globalizzazione ha lanciato un monito. «Il mondo è una cosa sempre più piccola, ma il divario è sempre più grande», ha precisato Don Nicolini che ha espresso il suo no verso il revisionismo. «E’ molto negativo. La memoria va tenuta forte». Il riferimento è al movimento della Resistenza.

Fra i tanti argomenti trattati anche la televisione dove il parroco, fondatore della comunità “Le Famiglie della Visitazione” ha espresso la sua nostalgia per la tv dei tempi al passato remoto. «Il venerdì c’era sempre un programma di prosa – ha aggiunto Don Nicolini – Il grande teatro dialettale l’ho visto in tv. C’è stata una televisione di valore. Ma cosa fanno vedere? (oggi ndr). E’ anche offensivo che gli italiani debbano vedere solo stupidate. Sono contentissimo di essere italiano. C’è un’anima profonda nel nostro popolo che viene tradito».

All’incontro ha partecipato anche il presidente provinciale dell’Anpi Ennio Saccenti che ha focalizzato il suo discorso sull’individualismo sfrenato che l’essere umano in questo momento storico sta vivendo.

Lutto nel giornalismo, è morto Sandro Curzi

Sandro Curzi
Sandro Curzi

Roma – È morto a Roma dopo una lunga malattia Sandro Curzi. Nato a Roma il 4 marzo 1930, aveva 78 anni. Un’altra voce storica del giornalismo italiano che ci lascia.

Resistente partigiano a 13 anni, il suo impegno politico si è svolto all’interno dei mass media, dal primo articolo, quando era ancora adolescente, sull’Unità «clandestina» per raccontare l’assassinio di uno studente da parte di fascisti repubblichini, al ruolo di capo redattore nel mensile della Fgci Gioventù nuova, diretto da Enrico Berlinguer, fino alla vice direzione di Paese Sera, alla direzione del Tg3 e a quella di Liberazione.
Curzi ottenne nel 1944, nonostante la minore età, la tessera del Pci. Tra il ’47 e il ’48 lavora al settimanale Pattuglia insieme a Giulio Pontecorvo e, nel ’49, a la Repubblica d’Italia fino a diventare capo redattore di Gioventù nuova diretta da Enrico Berlinguer.
Nel ’56 fonda Nuova generazione e nel ’59 passa all’Unità, organo del Pci per il quale l’anno successivo viene inviato in Algeria per seguire la fasi dell’indipendenza. Lì intervista il capo del Fronte di Liberazione Ben Bellah. Dopo essere stato direttore dell’Unità, nel 1964 diventa responsabile stampa e propaganda della direzione del Pci. La stagione più calda, quella del ’68 e poi dell’autunno del ’69, della strage di Piazza Fontana e dei fatti che seguirono nei primi anni ’70, Curzi la seguì da vice direttore di Paese Sera.
Dalla metà degli anni ’70 arriva l’impegno con la televisione: entra infatti in Rai nel 1975 e comincia dal Gr1 diretto da Sergio Zavoli. Nel ’76, con Biagio Agnes e Alberto La Volpe, dà vita alla terza rete televisiva della Rai mentre nel 1978 è condirettore del Tg3 diretto da Biagio Agnes. In questa veste “scopre” Michele Santoro e collabora alla realizzazione del programma Samarcanda.
Diventa direttore del Tg3 nel 1987 dando al telegiornale una impronta inconfondibile, veloce e aggressiva che dà voce alle istanze della sinistra italiana interpretando gli umori di una crescente insofferenza verso la cosiddetta prima Repubblica. Soprannominato per questo, dagli avversari politici, «Telekabul» (dalla capitale dell’Afghanistan occupata dall’Urss negli anni ’70), il Tg3 cresce in spettatori (da poco più di 300 mila ai 3 milioni del ’91) e autorevolezza.
Nel ’92 pubblica con Corradino Mineo il libro «Giù le mani dalla Tv» (Sperling e Kupfer) e nel ’93, in contrasto con il nuovo consiglio d’amministrazione della cosiddetta Rai dei professori (direttore generale Gianni Locatelli e presidente Claudio Demattè), si dimette. Passa prima a dirigere il Tg dell’allora Tele Montecarlo e poi, dal 1998 al 2005, dirige Liberazione.
Dal 2005 era consigliere d’amministrazione della Rai di cui per tre mesi è stato anche presidente in qualità di consigliere anziano.
Fonte: Corriere.it

Don Nicolini: un prete di frontiera. Domani sarà a Prato.

 Prato – Una voce fuori dal coro. E’ quella di don Giovanni Nicolini, 68 anni, presente domani a Prato per affrontare alcuni temi di attualità e per ricordare la figura di Enzo Biagi. L’iniziativa, organizzata dalla “Casa della Cultura Enzo Biagi”, si avvale del patrocinio della Regione Toscana, della Provincia e del Comune di Prato. Al dibattito parteciperà l’Anpi – sezione di Prato – rappresentata dal presidente provinciale Ennio Saccenti. Nicolini, originario di Mantova, è laureato in filosofia e ha studiato teologia all’università Gregoriana dove ha avuto modo di conoscere monsignor Ancel e soprattutto il cardinal Lercaro e don Giuseppe Dossetti, che fin dall’inizio ha rappresentato per don Nicolini un riferimento spirituale. Ordinato presbitero nel 1972, Giovanni Nicolini ha assunto varie cariche prima di dedicarsi completamente alle sue parrocchie, Sant’Antonio da Padova alla Dozza e San Giovanni Battista a Calamosco, situate nella periferia della diocesi bolognese. Nel 1998 è diventato vicario episcopale per la carità e come tale è stato anche direttore della Caritas diocesana. Dal dicembre 2006, don Nicolini, un prete scomodo, ha lasciato l’incarico di vicario episcopale per dedicarsi alle sue parrocchie e alla sua comunità, Le Famiglie della Visitazione. Un prete di frontiera per il suo impegno quotidiano a favore dei deboli, dei poveri e degli emarginati e per le sue posizioni non sempre allineate alla chiesa romana. Don Nicolini che ha concelebrato, assieme al cardinal Ersilio Tonini, i funerali di Enzo Biagi, ha espresso il suo favore alla benedizione dei divorziati risposati. Lo scorso settembre Papa Benedetto XVI durante il sinodo vescovile che si è svolto al Lourdes in Francia, invocò una rigidità del Magistero verso i divorziati risposati – non fu la prima volta -, oltre alla liberalizzazione del rito tridentino.

Durante l’incontro – Auditorium Roberto Castellani istituto “A. Gramsci-J.M. Keynes”, via di Reggiana, 106 -, con inizio alle 15,30, don Giovanni Nicolini affronterà temi come il razzismo, la macro e la micro-violenza, i giovani e il loro rapporto con la televisione e il movimento della Resistenza.

 

A Sant’Anna per celebrare il 60° anniversario della Costituzione

Sant’Anna di Stazzema (LU) – Il 60° anniversario della Costituzione italiana e Sant’Anna di Stazzema, luogo simbolo in Toscana e nel mondo dell’orrore della guerra.

Proprio a Sant’Anna di Stazzema, il paese in provincia di Lucca che il 12 agosto 1944 vide la sua popolazione civile (oltre 500 persone, con intere famiglie, donne e bambini in fasce) massacrata dai nazifascisti, si terrà il 21 novembre l’evento, promosso dalla Scuola Superiore Sant’Anna di Pisa, che intende sottolineare i valori fondanti della Carta Costituzionale promulgata nel 1948.

L’iniziativa ha il patrocinio della Regione Toscana e si svolge in collaborazione con il Museo Storico della Resistenza, il Comitato per le Onoranze ai Martiri di Sant’Anna di Stazzema, il Parco Nazionale della Pace di Sant’Anna di Stazzema, l’Associazione Martiri di San’Anna, l’Anpi, il Comune di Stazzema e la Provincia di Lucca.

La giornata vedrà il contributo di alcuni fra i più prestigiosi costituzionalisti italiani: Alessandro Pizzorusso, Emanuele Rossi e Ugo de Siervo, a cui si affiancheranno gli allievi della scuola superiore Sant’Anna, che presenteranno i risultati del lavoro svolto in relazione al ruolo della Resistenza nella guerra di liberazione e al rapporto con la Costituente e con i principi che sono diventati valori fondanti della carta costituzionale repubblicana. Seguiranno alcune testimonianze sull’eccidio di cui fu teatro Sant’Anna. Sede dell’evento sarà il Museo Storico della Resistenza di Sant’Anna di Stazzema, a partire dalle ore 10.

Nel pomeriggio sono previsti la visita al monumento e al Museo Storico della Resistenza e un concerto con lettura di alcuni brani a cura dell’associazione Allievi del Sant’Anna.

La Toscana ha avuto il numero di morti più alto in Italia a causa delle stragi nazifasciste e Stazzema, sede dal 2000 del Parco Nazionale per la Pace, voluto dall’allora presidente della Repubblica Carlo Azeglio Ciampi, rappresenta un punto di riferimento per conservare la memoria.

 

Fonte: Regione Toscana