Strage di Bologna, Bolognesi: “Chiediamo si indaghi ancora sulla Loggia P2”.

Firenze – Sono trascorsi 37 anni da quel 2 agosto 1980, quando alle ore 10,25, una bomba esplose nella sala d’aspetto di seconda classe della stazione di Bologna: 85 furono i morti, oltre 200 i feriti. Da quel giorno i familiari delle vittime, i superstiti e tutti quei cittadini, la maggioranza, che hanno un forte senso dello Stato, attendono risposte. Alcune sono arrivate, altre no. Per questo eccidio conosciamo gli esecutori materiali: condannati in via definitiva all’ergastolo Valerio Fioravanti, Francesca Mambro e a 30 anni Luigi Ciavardini. Conosciamo i responsabili dei depistaggi, come stabilito dai processi: il generale Pietro Musumeci, il colonnello Giuseppe Belmonte, ufficiali del Sismi (Servizio Segreto Militare), Francesco Pazienza e il Gran Maestro della Loggia Massonica P2 Licio Gelli. E, sappiamo anche che quella strage fu provocata da terroristi neofascisti del Nar (Nuclei armati rivoluzionari) in quel lungo e sanguinoso periodo storico caratterizzato dalla strategia della tensione. Ma non conosciamo i nomi dei mandanti. Di loro, non c’è minima traccia nella verità giudiziaria. Nell’aprile scorso la Procura di Bologna ha presentato richiesta di archiviazione dell’inchiesta sui mandanti della strage. Una decisione criticata dai familiari delle vittime che, come associazione, si oppongono all’archiviazione che sarà discussa in aula il prossimo 26 ottobre.

Nel suo discorso, pronunciato nell’occasione delle commemorazioni di oggi, il presidente dell’Associazione familiari vittime della strage di Bologna Paolo Bolognesi ha invitato a proseguire le indagini sulla P2. «Chiediamo si indaghi ancora sulla Loggia P2, per verificare se da quel centro di potere occulto è stato impartito il mandato stragista», così Bolognesi che in un passaggio del suo discorso ha ribadito: «Alla richiesta di archiviazione, l’Associazione familiari delle vittime del 2 agosto si è opposta, indicando rilevanti fonti di prova e documenti utili a sviluppare nuove indagini sui mandanti e su persone ad oggi viventi e all’epoca operanti nel contesto eversivo veneto di Ordine Nuovo e dei Servizi Segreti militari».

 

L’Associazione delle vittime: “Lo Stato non vuole la verità…” (L’Espresso)

Strage di Bologna. La rabbia dei familiari….  (fonte: Articolo 21)

Due Agosto, la protesta dei familiari delle vittime … (fonte: La Repubblica) 

Il discorso di Paolo Bolognesi

Strage di Bologna, verità e giustizia …. (fonte: Il Fatto)

I documenti su Ustica e la mancanza di trasparenza (fonte: La Repubblica)

Strage di Bologna, l’articolo di Enzo Biagi…. (fonte: Il Corriere)

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *