Amianto killer a Prato, i “cenciaioli” fra le principali vittime

Secondo uno studio dell’Istituto di prevenzione oncologica l’incidenza di tumori fra i cernitori di stracci supera persino quella della fabbrica Eternit di Casale Monferrato

Prato – La causa del mesotelioma pleurico che ha colpito decine di cernitori di stracci e operai del settore tessile, a Prato, è l’espozione all’amianto, addirittura superiore per i lavoratori tessili rispetto a quella degli operai della Breda di Pistoia. Lo rivela un recente studio dell’Ispo, Istituto per lo studio e la prevenzione oncologica di Firenze.

Già si sapeva che il tumore correlato alla presenza dall’amianto ha colpito anche nel tessile, ed era anche noto che tra le persone che si sono ammalate in questi anni c’erano pure gli stracciaioli o cernitori. Ma non era chiara la frequenza delle diagnosi. Nella ricerca, che come prima firmataria ha Elisabetta Chellini di Ispo e alla quale hanno partecipato tra gli altri anche Aldo Danti e Luigi Mauro della Asl pratese, si spiega che il mesotelioma tra il 1988 e il 2012 ha avuto tra i cernitori un’incidenza compresa tra i 74 e i 166 casi per 100mila abitanti. Il primo dato è più alto di quello registrato alla Breda di Pistoia, il secondo, appunto, vale quello di Casale Monferrato.

Comunque sia siamo a livelli molto importanti. L’incidenza nel resto del tessile è stata assai più bassa: 3,5 casi per 100mila abitanti. Tutto questo considerando i soli mesoteliomi, 40 casi tra i cenciaioli. Se si aggiungono le altre malattie correlate all’esposizione all’amianto, almeno altrettante diagnosi, ce n’è abbastanza per mettere mano a una questione legata al riconoscimento da parte dell’Inail delle indennità previste per questa malattia professionale.

Due le possibili modalità di esposizione. La prima è la presenza di tracce di amianto negli indumenti durante la fase della sfoderatura; l’altra, più probabile, l’uso di sacchi di juta che erano stati in precedenza usati per trasportare amianto, una pratica di cui ci sono conferme dagli anni Sessanta agli anni Ottanta.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *