Margherita, l’ex tesoriere Luigi Lusi condannato a otto anni

Roma La quarta sezione penale del tribunale di Roma ha condannato l’ex tesoriere della Margherita Luigi Lusi a otto anni di carcere per essersi appropriato di oltre 25 milioni di euro, soldi destinati al partito. Per Lusi, ex senatore Pd per il quale nel 2012 palazzo Madama votò sì alla richiesta d’arresto, il pm Stefano Pesci aveva sollecitato 7 anni e mezzo per i reati di associazione a delinquere finalizzata all’appropriazione indebita e di calunnia nei confronti di Francesco Rutelli, all’epoca dei fatti leader del partito. I giudici non hanno però riconosciuto come provato il reato di associazione a delinquere, condannando l’ex tesoriere per appropriazione indebita e calunnia, e infliggendogli l’interdizione perpetua dai pubblici uffici.

Il tribunale di Roma ha condannato anche il commercialista Mario Montecchia a tre anni e 6 mesi e un altro commercialista, Giovanni Sebastio, a 2 anni e 8 mesi. Condannata a un anno e due mesi, ma con pena sospesa per cinque anni, anche Diana Ferri, segretaria di Lusi, per la quale era stata sollecitata dall’accusa l’assoluzione con formula ampia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *