La Camera ha approvato il decreto salva-Ilva bis.

L’approvazione avvenuta tra le polemiche, per la conversione definitiva occorre il voto del Senato entro il 3 agosto.

Roma – Via libera al decreto legge sul commissariamento dell’Ilva. Oggi pomeriggio la Camera ha approvato il provvedimento con 299 voti favorevoli, quelli della maggioranza. Il provvedimento passa adesso al Senato per la definitiva conversione in legge. Il decreto, varato dal Governo lo scorso 4 giugno a fronte delle inadempienze dell’Ilva nell’attuazione dell’Autorizzazione integrata ambientale, delle dimissioni del cda dell’azienda e del sequestro preventivo del gip di Taranto per 8 miliardi sui beni della capogruppo Riva Fire, è stato ampiamente modificato dalle commissioni Attivitá produttive e Ambiente della Camera e nella nuova versione è stato poi approvato dall’assemblea di Montecitorio. Un’approvazione avvenuta tra le polemiche.

Nel frattempo per la famiglia Riva continuano i guai giudiziari. La Procura di Milano ha chiesto il rinvio a giudizio per il patron Emilio Riva e per tre manager, responsabili dei conti, con l’accusa di false rappresentazioni delle scritture contabili al fine di evadere le imposte sui redditi. La presunta frode fiscale operata dall’Ilva sarebbe di 52 milioni di euro.

Sempre nei giorni scorsi il tribunale del riesame di Taranto ha motivato la decisione con cui ha respinto il ricorso contro il sequestro dei beni disposto dal gip Todisco. All’Ilva, dicono i giudici, c’era un “governo aziendale occulto (non ufficiale) operante all’interno dello stabilimento di Taranto, una struttura ombra costituita da soggetti denominati ‘fiduciari’, che di fatto governavano il siderurgico”. Un’altra brutta notizia per la famiglia Riva. 

Il tribunale di Taranto ha anche rigettato l’istanza di revoca degli arresti domiciliari presentata da Michele Conserva, l’ex assessore provinciale all’Ambiente coinvolto nell’inchiesta «Ambiente svenduto».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *