Ilva, l’azienda chiede la cassa integrazione per duemila dipendenti

L’Ilva è intenzionata a procedere alla messa in cassa integrazione ordinaria di 2mila dipendenti dell’area freddo dello stabilimento di Taranto a partire dal 19 novembre.

FirenzeL’Ilva ha intenzione di procedere alla messa in cassa integrazione ordinaria di 2 mila dipendenti dell’area a freddo dello stabilimento di Taranto a partire dal 19 novembre. Durata 13 settimane. L’azienda lo ha comunicato ai sindacati. Gli Impianti interessati sono il tubificio longitudinale 1 e 2, il treno lamiere, il treno nastri 1, le officine, i servizi e il laminatoio a freddo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *