Mafia, la Cassazione: annullata la sentenza di appello contro Dell’Utri.

RomaLa Cassazione ha annullato con rinvio la sentenza d’appello di condanna a 7 anni di carcere per il senatore Marcello Dell’Utri per concorso esterno in associazione mafiosa. Il processo di secondo grado dovrà essere rifatto a Palermo davanti a nuovi giudici. La Cassazione ha accolto le argomentazioni del Procuratore generale e della difesa, mentre ha dichiarato inammissibile il ricorso della Procura di Palermo che chiedeva un inasprimento della pena.

Mafia, Cassazione annulla la condanna … (fonte: Il Fatto Quotidiano) 

Quando Dell’Utri incontrava i bossi a Mlano (guarda il video, fonte: Il Fatto Quotidiano)

Da Andreotti a Squillante a De Gennaro, tutti i processi del pg Iacoviello (fonte: Il Fatto)

 

  

PinterestTumblrShare
  1. FRANCESCO BUFFA DESIGNER ha scrcitto quanto segue il sabato, 10 marzo 2012 alle 13:10.

    “…nessun imputato deve avere più diritti degli altri ma nessun imputato deve avere meno diritti degli altri…..” ma questo insegnamento di “diritto” perché? Ha il sapore di una scusante sul “giudicato”, ma qualunque buon cittadino italiano sa benissimo che non vanno commentati i giudizi della corte suprema di cassazione, inutile dunque questa premessa! – “Finalmente ho trovato una magistratura che mi ha giudicato in maniera serena” ha ovviamente commentato l’interessato, ma questo commento ovviamente è giustificato e legittimo, praticamente si ha la sensazione che sono stati condannati i giudici di Palermo! E se non va commentato il giudizio della cassazione spero sia lecito, anche se rischioso stante la splendente realtà che viviamo, esprimere solidarietà ai giudici palermitani, quelli che vengono ancora una volta lasciati soli, quelli della “lacunosa motivazione” che continuano a rischiare la vita per confermare l’affermazione della verità e il loro onore, quell’onore che costò la vita al giudice Falcone assassinato dalla mafia, quello che aveva spiegato a chiare lettere cosa fosse il concorso esterno in associazione mafiosa, quello praticamente che più non esiste e se qualcuno ci crede, non deve commentare! C’è chi ha titolo indiscusso di parlare in nome del popolo italiano, per non parlare di Borsellino! Che il titolo lo possedeva, ma stranamente è stato messo a tacere! E siccome il senato è pieno di senatori innocenti, tanto innocenti che per garantire la loro innocenza sono addirittura costretti a farsi le leggi, perché meravigliarci dunque quando l’Europa ride a telecamere aperte quando parla dell’Italia o indignarsi perché i servizi segreti inglesi fanno un blitz senza neanche avvisarci, è ovviamente normale pure questo! – quante generazioni dovranno passare perché tanto fango possa essere definitivamente cancellato?


Lascia un commento