Corte di Appello: Dell’Utri “mediatore” tra Cosa Nostra e Berlusconi, Mangano lo proteggeva.

Nelle motivazioni della sentenza, depositate oggi, i giudici della Corte di Appello di Palermo scrivono che Marcello Dell’Utri avrebbe svolto una attività di “mediazione”, ponendosì inoltre come “specifico canale di collegamento” fra Cosa Nostra e Silvio Berlusconi.

Firenze Marcello Dell’Utri avrebbe svolto una attività di <<mediazione>>, ponendosì come <<specifico canale di collegamento>> tra Cosa Nostra e Silvio Berlusconi. Lo scrivono i giudici della Corte di Appello di Parlermo nelle 641 pagine della sentenza, con la quale il senatore del Pdl lo scorso 29 giugno è stato condannato a sette anni di reclusione per concorso esterno in associazione mafiosa. Dell’Utri era stato condannato per i fatti avvenuti fino al 1992 e assolto per quelli successivi. Nelle motivazioni della sentenza, depositate oggi, i giudici scrivono inoltre che il mafioso Vittorio Mangano fu assunto come “stalliere” ad Arcore su volontà dello stesso Dell’Utri al fine di garantire l’incolumità di Berlusconi (link)

Link 1

La sentenza

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *