Mafia: Dell’Utri condannato a sette anni

La seconda sezione della Corte di Appello di Palermo ha condannato a sette anni di reclusione il senatore Marcello Dell’Utri per concorso esterno in associazione mafiosa. Un reato commesso dal senatore fino al 1992, poiché il collegio giudicante ha assolto dell’Utri <>.

FirenzeMarcello dell’Utri, l’ideatore di Forza Italia, è stato condannato a sette anni di reclusione per concorso esterno in associazione mafiosa. Un reato commesso dal senatore fino al 1992, poiché il collegio giudicante ha assolto dell’Utri <<per le condotte successive al 1992, perché il fatto non sussiste>>. Questa la sentenza, pronunciata stamani dalla seconda sezione della Corte di Appello di Palermo presieduta da Claudio Dall’Acqua. Per effetto di tale sentenza che assolve il senatore del Pdl per le “condotte successive al 1992”, la pena in appello è stata ridotta di due anni. In primo grado Dell’Utri era stato condannato, sempre per concorso esterno in associazione mafiosa, a nove anni. Il procuratore generale Gatto aveva chiesto la condanna a undici anni. Dalla sentenza restano fuori il periodo della nascita di Forza Italia e quello delle stragi del 1993. Bisognerà attendere la motivazione della sentenza – sarà depositata entro novanta giorni – per capire le ragioni per le quali i giudici hanno tracciato una linea di confine fra il prima e il dopo 1992 nel comportamento di Dell’Utri: nascita di Forza Italia, il periodo delle stragi, la trattativa tra stato e mafia. 

Dell’Utri: il giorno del giudizio (Il Fatto Quotidiano)

Dell’Utri condannato a sette anni (Liberainformazione)

Il Pdl fa quadrato intorno a Dell’Utri (Il Fatto Quotidiano)

Sette anni, ne dimostra di più (Il Fatto Quotidiano, Marco Travaglio)

Conferenza stampa dell’Utri (Il Fatto Quotidiano)

Giovani Pdl Sicilia contro Dell’Utri (Il Fatto Quotidiano)

Video, intervento di Attilio Bolzoni (La Repubblica)

La lettura della sentenza (La Repubblica)

 
 

 

 I giornali nazionali: La Stampa, Corriere della Sera

El Pais

Link

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *