Informazione, Donald Sassoon scrive per “Il Sole 24 Ore”.

FirenzeDonald Sassoon, professore di storia all’università di Londra, ha iniziato a collaborare con “Il Sole 24 Ore” dove domenica scorsa nel supplemento culturale del giornale è apparso il primo articolo, tradotto da Paola Mazzarelli, dello storico inglese. Sassoon ha avviato la sua collaborazione ripercorrendo i passi salienti sulle norme del copyright e analizzando eventuali futuri scenari. L’annuncio è arrivato da Stefano Salis che ha scritto un corsivo al fianco dell’articolo di Sassoon, pubblicato nella prima pagina dell’inserto e intitolato “1709, guerra ai pirati del libro”. Sassoon, autore di “Cento anni di socialismo”, con il quale nel 1996 vinse il prestigioso premio Deutscher, è reduce dalla sua ultima fatica letteraria, pubblicata l’anno scorso da Rizzoli. “La cultura degli europei. Dal 1800 a oggi”. Circa 1600 pagine che rappresentano un viaggio nella cultura. Un percorso tramite il quale l’autore demolisce la classica distinzione storica fra cultura alta e bassa partendo da una domanda. Ma quale cultura, e soprattutto quella di chi? Torniamo al suo articolo sul giornale “Il Sole 24 Ore”. Lo storico inglese ricorda la prima legge sul copyright, varata nel 1709 in Inghilterra sotto il regno della regina Anna. Con questa norma iniziò la legislazione sul copyright. Ci fermiano qui e se accettate l’invito, vi suggeriamo la lettura di questo affascinante articolo.   

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *