Si conclude oggi a Firenze la Festa della Legalità

Firenze – Di anno in anno ha avuto come simbolo una sveglia che suonava l’ora legale oppure il rosso di una macchia di sangue che si trasforma nel rosso di un pomodoro quali quelli coltivati nei campi confiscati alla mafia.

Sono cambiati i simboli e le immagini, ma non lo spirito della Festa della Legalità, un appuntamento che si rinnova e rende Firenze capitale nazionale delle battaglie per liberarsi dalla criminalità organizzata e per affermare la cultura della legalità.


La manifestazione si conclude oggi con un ricco programma di iniziative, ospitate dal Palazzo degli Affari di Piazza Adua. Si comincia al mattino con la lectio magistralis della Costituzione, in ricordo dei 60 anni del documento, da parte del giudice Ugo de Siervo, cui interverranno anche gli studenti delle scuole che hanno partecipato al bando della Legalità 2008 promosso dalla Regione sul tema “Leggere la costituzione”.


A seguire verrà presentata la ricerca sull’infiltrazione delle mafie in Toscana a cura della Commissione nazionale antimafia. Nel pomeriggio, insieme a personaggi come Rita Borsellino, Salvatore Calleri della Fondazione Caponnetto, il magistrato Gherardo Colombo, Elisabetta Caponnetto, i Modena City Ramblers e tanti altri ospiti si illustreranno i risultati del secondo anno del progetto “Educare alla legalità”, che prevede la sperimentazione di modelli di intervento didattico proprio sul tema della legalità.

Di sera, dalle 21.30, al Palazzo dei congressi, dopo il saluto dei ragazzi della carovana Antimafia toscana 2008 ci sarà uno spettacolo, a cui, tra gli altri parteciperà l’orchestra Bandao, i Magicaboola Brass Band, l’Orchestra di fiati dell’Istituto Musicale Mascagni di Livorno e le Riffe di Raffa. La serata sarà presentata da Daniela Morozzi e Gianfranco Monti.

Fonte: Regione Toscana

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *