E’ morto Florestano Vancini

E’ morto Florestano Vancini, regista de “La Banda Casaroli”. Un giovane Enzo Biagi riuscì ad intervistare il malvivente Casaroli in ospedale, dopo la sua cattura.

FERRARA – Se ne è andato un maestro di cinema, un uomo che con i suoi film ha raccontato la storia d’Italia. Florestano Vancini è morto il 18 settembre in un ospedale della capitale dove era ricoverato. A darne notizia il Comune di Ferrara a esequie avvenute “per rispettare le volontà del regista”. Florestano Vancini, scomparso a 82 anni, è stato uno dei più importanti interpreti del cinema italiano di ricerca storica e testimonianza civile nel panorama della cinematografia della seconda metà del Novecento. L’amministrazione di Ferrara nel ricordare la figura del regista ha espresso ” gratitudine per la sua opera e per il legame mai venuto meno con la sua Ferrara”. Nato nella città estense nel 1926, Florestano Vancini di cui si è avuta sabato scorso notizia della sua scomparsa, ha esordito con un film antifascista, “La Lunga notte del ’43” (1960), tratto da uno dei racconti ferraresi di Giorgio Bassani. Il suo percorso professionale si soffermò ad un certo punto su un tema trattato dallo stesso Enzo Biagi, la Banda Casaroli. Il regista nel 1962 decise di realizzare un film sulla banda che seminò terrore e morte. Ad interpretare Paolo Casaroli, l’attore Renato Salvatori.
Negli anni Cinquanta il giovane cronista di Pianaccio riuscì a intervistare Paolo Casaroli che dall’ottobre del 1950 al dicembre dello stesso anno passò alle cronache, assieme ad altri due (Romano Ranuzzi e Daniele Farris), per aver messo a segno alcune rapine in diverse banche del Nord. Fatale per la banda Casaroli, fu la rapina del 15 dicembre 1950 ad un’agenzia del Banco di Sicilia a Roma. I tre uscirono dalla filiale senza nessun bottino. In quegli attimi coincitati però perse la vita il direttore dell’agenzia, ucciso dai malviventi. I banditi fuggirono tornando in treno a Bologna, mentre un altro complice riportò nel capoluogo emiliano l’auto, una Fiat 1400, noleggiata dal Casaroli. Le indagini fin da subito portarono gli inquirenti sulle tracce dei quattro e il giorno seguente la rapina, le strade di Bologna furono macchiate dal sangue di innocenti. Morirono un agente di polizia, un commerciante e un tassista. Due i feriti: un secondo agente di polizia e un vigile urbano. Due dei tre componenti principali della banda si suicidarono (Ranuzzi e Farris), mentre Casaroli, colpito più volte, fu ricoverato in ospedale dove il giovane Biagi riuscì a intervistarlo. Per la cronaca Casaroli fu condannato all’ergastolo e, una volta uscito per buona condotta, morì nel 1993 in un ospedale romano. Gli altri film di Florestano Vancini. “La calda vita” , “Le stagioni del nostro amore” , “I lunghi giorni della vendetta”, “Bronte, cronaca di un massacro che i libri di storia non hanno raccontato” , “La violenza: quinto potere”, “Il delitto Matteotti” , “Amore amaro”, “Un dramma borghese”, “La baraonda”, “La neve nel bicchiere”. Poi, una parentesi durata più di quattro lustri durante i quali Vancini s’è dedicato alla regia televisiva, per tornare nuovamente nel 2005 al cinema con “E ridendo l’uccise”, ultima realizzazione cinematografica del regista ferrarese.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *